LA CONDIVISIONE DELLA REALTA’

Aggiornato il: 26 ago 2019

La Creazione dell’Abbondanza per noi e per il mondo.

Ho sempre fatto diverse riflessioni sulla pratica alla condivisione, domandandomi cosa stessi condividendo e cosa significasse questa parola. La risposta è che stiamo condividendo realtà e nel marasma dei pensieri arrivava un’altra parola, molto ampia: Creazione. Creazione di ciò che porto dentro ossia Luce e Abbondanza!


Condividere significa Creare, mi dicevo; e così iniziai a metterlo in pratica a fare i miei primi esperimenti.

Cercherò di spiegarti meglio, non solo concettualmente ma anche praticamente di come questa consapevolezza può aprirti a punti di vista diversi dai soliti.


Condividere significa anzitutto mettere in comune tutte le parti, un accordo congiunto per arrivare ad esternare il proprio mondo con il mondo dell’altro.

In questo modo siamo nella Verità di tutto il nostro Essere Incarnato per proliferare velocemente nel bene comune.



chi sono - dove sono - Io Sono.

Spesso, a volte siamo in stati di tensione, confusione e di fretta su azioni, iniziative e/o progetti, eppure abbiamo tanta voglia di condividere.


Sono questi i casi in cui dobbiamo prestare la nostra più alta attenzione, stiamo portando fretta, tensione e separazione, antitesi queste dell’intento iniziale, sono i terreni in cui la nostra parte illusoria cresce e produce altra illusione che si realizzerà, chiamandosi caos.


La parte illusoria si attiva quando non vogliamo occuparci di noi, anzi sfuggiamo dall’assunzione di responsabilità. Si nutre cercando realizzazione attraverso il mondo dell’altro e agendo così non contribuisce ma anzi grava sull'ambiente stesso. Un elementare alibi della inconsapevole coscienza che si può leggere ad occhio nudo e che ci racconta come si produca scarsità.


E’ importante attendere ed osservare con attenzione noi stessi, la situazione in cui siamo e porci domande : chi siamo, cosa vogliamo e dove vorremmo andare.

Se questa abilità non viene applicata perdiamo la favolosa possibilità di una presa di coscienza, di un apprendimento solido e trasformativo per relazionarci verso noi ed il mondo, acquisendo l’amabile consapevolezza che la separazione non esiste.


Dunque se condividere significa unire con altro, condividere nella Verità significa unire tutte le parti dentro te per poi unirsi al mondo dell’altro, e solo in questo modo si è nell’abbondanza, mentre condividere nell’illusione è stare nel processo opposto è stare nella scarsità.


Realizziamo


Passo ora a disquisire con te sulla realtà che condividiamo e che consapevolmente diciamo Essere Creazione.

Tu sei realtà, la stessa che hai deciso di essere. Ognuno rappresenta realtà.

La realtà è energia che si manifesta e/o condensa nella dimensione di appartenenza (coscienza). Questa energia materializzata prende forma dal suo condizionamento.

La realtà è mobile e sempre condizionabile ed interagente.


Viene prodotta e modificata a piacimento dall’Essenza incarnata che modella a seconda dei concetti, dei pensieri e naturalmente dall’intenzioni.

Le scelte che si esprimono ne compongono la base portante da cui poi si erige, costruisce la forma tutta.


La realtà che si crea, qualunque essa sia, serve per portare al successo l’Essenza incarnata, cioè a sperimentare attraverso la vita, a produrre attimo dopo attimo situazioni o ambienti da abitare per crescere.


Tutto avviene fluidamente, fuori dal controllo a cui si è abituati. Il processo di creazione della realtà nasce nelle profondità dell’Essenza stessa, da ciò che non conosciamo, è nell’inconscio.

La formazione della realtà è un meccanismo che necessita di un triangolo, di tre passaggi, tre assoluti: l’ Idea, la Volontà e l’Emissione dell’azione (emanazione).


triangolo della coscienza- Mandala


Se questa piccola formula non viene adoperata in tutta la sua potenzialità, nella consapevole presenza, la manifestazione della forma e dunque della realtà sarà distorta, non coesa e quindi disarmonica. Nella misura in cui rilasciamo questi assoluti nel campo, nella stessa misura il campo risponde.


L’universo risponde a specchio amplificato, il campo risponde su ciò che hai immesso. Se siamo generici avremmo realtà e risposte generiche.

Essere chiari e uniti al meglio in tutte le nostre parti ci renderà pronti e veloci alla creazione, alla manifestazione della realtà che stiamo scegliendo di abitare, pronti per condividere nella verità con gli altri e nel bene comune.


La chiarezza dei propri intenti, il riallineamento dei propri obiettivi, idee e pensieri della non illusione, il rafforzamento, l'allenamento alla volontà , tutto questo è integrità è abbondanza. Solo in questo stato di coscienza potrai fare le tue scelte su cui erigere la forma per poi condizionarla modellarla secondo le tue Idee spinte dal motore della Volontà e messe in atto dalle diverse azioni fisiche e non. Solo così sperimenterai il campo delle infinite possibilità dell’Abbondanza.


Se crediamo che il mondo sia brutto e cattivo la realtà che incontreremo sarà brutta e cattiva. Se crediamo che il mondo sia meraviglioso e gentile la realtà che incontreremo sarà meravigliosa e gentile. Ma quello che trovo essere splendidamente affascinante è che incontrando realtà opposte con le quali dobbiamo intrattenere relazione, la realtà che stiamo abitando ci sosterrà e rafforzerà arricchendo tutto ciò che abbiamo creato e che creeremo.


Ogni realtà ha la sua dignità, il suo diritto ad esistere e ad essere rispettata e in questa libertà puoi scegliere se condividere o no.


A volte sorrido davanti a frasi prestampate che portano ad assumere un atteggiamento ed un linguaggio spirituale stereotipato e poco credibile ossia non nella Verità.


E’ importante condividere! L'unione fa la forza! Dobbiamo stare nel fluire e vediamo cosa accade.


Le “cose” accadono è vero, ma se sono state immaginate, desiderate in precedenza. Accade solo ciò che scegliamo che accada, senza farci corrompere o condizionare perché sicuri della nostra idea volontà ed emanazione.


La meccanica quantistica, la fisica quantistica con il suo entanglement parla chiaro, senza sentimentalismi inutili e senza interpretazioni, in modo diretto ed asciutto la scienza fa il suo compito perché la scienza è la matematica dell’Esistenza che si muove, fluisce e manifesta.

Questo articolo è la manifestazione della “mia” verità, la realtà che scelgo ed incarno attraverso la costante sperimentazione.

Questo articolo è un immissione nel campo per condividere con Te che leggi la passione che ho nell'amarmi e nell'amarti dicendoti semplicemente :perfavore, fermati, non avere fretta, osserva, poni le domanda e aziona il triangolo del potente mago che sei.


Cristina Pedetta

287 visualizzazioni
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now